0 Articolo - 0,00 € 0
Non ci sono più articoli nel carrello
Totale (Tasse incl.) 0,00 €

.

.

Mini-guida semiseria per genitori happy

Si sa, essere genitori non è una passeggiata: è un ruolo divertente e ricco di gioie ma è anche molto impegnativo e complesso. Gli scaffali delle librerie pullulano di manuali sul “mestiere” di genitore pieni di preziosi consigli da seguire per educare i figli. Tuttavia, queste indicazioni vanno sempre adattate alla personalità del bambino e alle sue inclinazioni, e ognuno di noi deve trovare la propria personalissima via per crescere ed educare un figlio.

Soprattutto, molti genitori dovrebbero superare il perenne senso di colpa e l’ansia da prestazione che spesso li rende insicuri con un pizzico di ironia. Ecco perché noi di Happy Family abbiamo stilato una mini-guida semiseria per genitori happy: 5 semplici regole per non prendervi troppo sul serio e affrontare il ruolo del genitore con il sorriso.

  1. Non studiate troppo: se avete letto troppi libri sull’educazione dei figli e siete più confusi di prima, fate tabula rasa e godetevi la vita assieme a loro. 
  2. Le regole: stabilitene poche ed essenziali, perché i bambini pretenderanno che le rispettiate anche voi! Esempio praticissimo: se li costringete a mangiare la verdura, poi dovrete papparvela senza fiatare, anche se è quella che vi fa sch.., ops non si dice.
  3. Spiegare i motivi di una decisione non è sempre una buona idea. Soprattutto se avete una figlia che ha la personalità di Lisa Simpson e non volete trovarvi a parlare di educazione steineriana con lei.
  4. Urlare non va mai bene. Sì, lo sappiamo che lo sapete. Ad eccezione di quando passano i Guns N’ Roses alla radio, ovvio.
  5. Date il buon esempio: se la mamma passa metà dei suoi weekend a caricare foto sui social e poi requisisce il cellulare alla figlia, quest’ultima penserà che vuole provare la sua fotocamera ;-)

La nostra guida per genitori potrebbe continuare, ma siamo sicuri che saprete arricchirla di tutti i preziosi insegnamenti che avete imparato ogni giorno “sul campo”, perché la pratica vale molto più della teoria!